LE TORRI DELL'ACQUA

Le Torri dell'Acqua sono nel cuore di Budrio, a due passi da Bologna. Si tratta dell'ex acquedotto, costruito nel 1912 e completamente ristrutturato nel 2009 grazie ad un'importante opera di riqualificazione fortemente voluta dal Comune di Budrio, che ha trovato il sostegno della Regione Emilia Romagna e della Compagnia di San Paolo e rappresenta un notevole esempio di valorizzazione di un monumento di archeologia industriale. Il progetto di restauro, curato dell'architetto Andrea Oliva, si è classificato primo nell'ambito del concorso Premio Centocittà, quarta edizione, e si pone l'obiettivo di sottrarre dal progressivo degrado uno spazio storico e simbolico, destinandolo a centro polifunzionale. Il recupero del complesso ha dato vita ad ambienti di volumetria variabile e per questo adatti alle più diverse esigenze: eventi musicali, teatrali, artistici in genere trovano qui una nuova dimensione, ma anche attività professionali, sessioni formative, eventi congressuali, conferenze stampa e altri momenti associativi possono trovare il valore aggiunto di una location d'eccezione. La leggerezza di ambienti simili a bolle sospese nel vuoto incontra la linearità di forme squadrate in un gioco di piani diversi e sfalsati, creando un luogo unico nel suo genere e di grande suggestione. Gli spazi, molto diversi tra loro, si alternano in eleganza e versatilità di utilizzo con vasti terrazzi circolari o quadrati anch'essi utilizzabili nei momenti ricreativi degli eventi o per serate particolari. L'impiego di vetro, legno, ferro, cemento a nudo, il tutto sapientemente illuminato, contribuiscono a rendere Le Torri dell'Acqua una location di rara atmosfera.